COMUNE DI FAENZA

 
Premio Europa 1968

 

Settore Sviluppo economico

e Politiche europee

 

  Indice dei procedimenti  
 
Ambiente - Acqua: : utilizzazione agronomica effluenti d'allevamento ed altri fertilizzanti azotati non ricadenti in AUA
   
Servizio: Sportello unico per le attività produttive
Indirizzo: Piazza Rampi, 7
Telefono: 0546 691269
Fax: 0546 691264
E-mail: maurizio.marani@comune.faenza.ra.it
PEC: comune.faenza@cert.provincia.ra.it
Responsabile procedimento: Maurizio Marani

 

Chi è interessato al servizio?

Coloro che intendono svolgere attività di allevamento zootecnico e di utilizzazione di liquami e letami zootecnici su terreno agricolo nel territorio del comune di Faenza, oppure, non essendo titolari di allevamento zootecnico intendono svolgere attività di utilizzazione di liquami, letami zootecnici ed altri fertilizzanti azotati su terreno agricolo.
 

Quali richieste può presentare

Comunicazione alla Provincia di Ravenna, tramite il SUAP, nei casi previsti dalla normativa regionale, almeno 30 giorni prima dell’inizio dell’attività di utilizzazione agronomica degli effluenti d'allevamento e/o d'altri fertilizzanti azotati derivati dal trattamento di biomasse. Va verificato l'assoggettamento alla Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) e occorrge provvedere agli adempimenti relativi (in caso di non assoggettamento all'AUA allegare la dichiarazione da parte dell'azienda dei titoli abilitativi in materia ambientale di cui risulta già in possesso, specificando che non risulta soggetto ad AUA e non intende avvalersene).
 

Quali effetti avrà la richiesta?

L’Azienda potrà iniziare l’attività di utilizzazione agronomica decorsi 30 giorni dalla data di presentazione della Comunicazione al SUAP, salvo eventuali richieste di integrazione documentale della Provincia che non consentano l’avvio dello spandimento.
La Comunicazione ha validità di 5 anni, pertanto va rinnovata alla scadenza ed ogni qualvolta sia necessario aggiornarne il contenuto informativo.
 

Quali atti e documenti sono richiesti?
- copia della carta di identità o di un documento di riconoscimento in corso di validità ai sensi del D.P.R. 28.12.2000 n.445 art.38 (L-R) del dichiarante (solo per inoltro tramite altra persona diversa dal dichiarante)
- gli allegati elencati nel quadro 17 della comunicazione stessa
- la dichiarazione di non assoggettamento all'AUA
- la dichiarazione sostitutiva di comunicazione antimafia (consultare le indicazioni pubblicate all'indirizzo: http://www.provincia.ra.it/Argomenti/Ambiente/Antimafia-obbligatoria-per-il-rilascio-delle-autorizzazioni)
- copia della carta di identità o di un documento di riconoscimento in corso di validità ai sensi del D.P.R. 28.12.2000 n. 445 art. 38 (LR) di altre persone (amministratori, soci) indicate all'art. 2 D.P.R. 252/1998
 
Esistono tempi da rispettare?

Non esistono periodi particolari in cui deve essere presentata la segnalazione certificata.
La segnalazione va presentata 30 giorni prima di iniziare l’attività.
 

Ci sono costi o tariffe previsti?

Nessun costo per quanto di competenza dello Sportello unico per le attività produttive.
 

Ci sono limitazioni?

Non sono previsti contingenti o limitazioni.
L’attività deve essere svolta nel rispetto delle normative vigenti.
 

Normativa:
- LR E-R 4/2007, art. 8;
- Regolamento Regionale ER n.1/2011;
- DPR 160/2010;
- determinazione del direttore generale ambiente 1192/2014.
Altre notizie:
Tutte le comunicazioni sia iniziali, sia di modifica, sia di rinnovo, firmate digitalmente dal gestore o dal mandatario, vanno inviate tramite Posta Elettronica Certificata (PEC), per competenza, al SUAP del territorio in cui è ubicato l’impianto di allevamento e, per conoscenza, alla Provincia.
 

 

Modulistica:
Vedi il sito web regionale: agricoltura.regione.emilia-romagna.it/servizi-online/fai-da-te/sportello-agricoltore>> relativamente al servizio "Presentare la notifica sull'utilizzo degli effluenti zootecnici". 

Aggiornata al 26 settembre 2014