COMUNE DI FAENZA

 
Premio Europa 1968

 

Settore Sviluppo economico

e Politiche europee

 

  Indice dei procedimenti  
 
Circoli privati - Associazione e circolo non aderente ad enti o organizzazione nazionale avente finalità assistenziale:
segnalazione certificata di inizio attività (Scia) per  somministrazione di alimenti e bevande riservata ai soci con caratteristiche di "ente commerciale"
   
Servizio: Sportello unico per le attività produttive
Indirizzo: Piazza Rampi, 7
Telefono: 0546 691269
Fax: 0546 691264
E-mail: maurizio.marani@comune.faenza.ra.it
PEC: comune.faenza@cert.provincia.ra.it
Responsabile procedimento: Maurizio Marani

Procedimento per il quale, per l’inoltro, è previsto l’utilizzo della modalità telematica

Chi è interessato al servizio?

Le associazioni, i circoli privati non aderenti ad enti nazionali aventi finalità assistenziali riconosciuti dal Ministero dell’Interno che intendono somministrare alimenti e bevande ai propri soci all’interno dei locali del circolo privato con caratteristiche di  “ente commerciale” di cui all’art. 148, 143, 149 del DPR 917/1986
 

Quali richieste può presentare

Segnalazione certificata di inizio attività, indirizzata al Comune.
 

Quali effetti avrà la richiesta?

L’attività può iniziare immediatamente con la presentazione della segnalazione certificata. Il Comune ha 60 giorni di tempo per effettuare i controlli in ordine ai presupposti e ai requisiti e può adottare motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi, salvo conformazione dell’attività entro un termine.
 

Quali atti e documenti sono richiesti?
Esistono tempi da rispettare?

Per esercitare l’attività di somministrazione ai soci occorre aver presentato prima la Scia.
 

Ci sono costi o tariffe previsti?

Non sono previsti costi o tariffe per questo procedimento per quanto di competenza del Servizio SUAP.
 

Ci sono limitazioni?

L’attività di somministrazione dei circoli o associazioni non aderenti ad enti o organizzazioni nazionali con finalità assistenziali e che non rispettano le condizioni di “ente non commerciale” previste dagli articoli 148, 143 e 149 del DPR 917/1986 con somministrazione in appalto a terzi è sottoposta ad autorizzazione di cui all’art. 8 della LR 14/2003 (ora da intendersi Scia) e ai criteri di pianificazione comunale dei pubblici esercizi.
 

Normativa:
- DPR 235/2001 art. 3;
- LR 14/2003;
- DM 17/12/1992, n. 564;
- RD 773/1931 (TULPS);
- DPR 917/1986 artt. 148, 143, 149.
Altre notizie:
Nessuna.

 

MODELLI - Ad ogni procedimento contenuto in ciascuna tipologia è associato un modulo predisposto in due diversi formati:
- .PDF in Acrobat, per la stampa del modulo vuoto
- .DOC in Word, per la compilazione facilitata su PC

Aggiornata al 17 giugno 2013