COMUNE DI FAENZA

 
Premio Europa 1968

 

Settore Sviluppo economico

e Politiche europee

 

  Indice dei procedimenti  
 
Commercio al dettaglio - Spaccio interno: segnalazione certificata di inizio attività
   
Servizio: Sportello unico per le attività produttive
Indirizzo: Piazza Rampi, 7
Telefono: 0546 691261
Fax: 0546 691264
E-mail: maurizio.marani@comune.faenza.ra.it
PEC: comune.faenza@cert.provincia.ra.it
Responsabile procedimento: Maurizio Marani

Procedimento per il quale, per l’inoltro, è previsto l’utilizzo esclusivo della modalità telematica

 
Chi è interessato al servizio?

Coloro che intendono esercitare l’attività di vendita di prodotti a favore di dipendenti da enti o imprese, pubblici o privati, di militari, di soci di cooperative di consumo, di aderenti a circoli privati, nonché la vendita nelle scuole e negli ospedali, esclusivamente a favore di coloro che hanno titolo ad accedervi.
 

Quali richieste può presentare

Segnalazione certificata di inizio attività indirizzata al Comune.
 

Quali effetti avrà la richiesta?

L’attività può iniziare immediatamente con la presentazione della segnalazione certificata. Il Comune ha 60 giorni di tempo per effettuare i controlli in ordine ai presupposti e ai requisiti e può adottare motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi, salvo conformazione dell’attività entro un termine.
 

Quali atti e documenti sono richiesti?
Esistono tempi da rispettare?

Non esistono periodi particolari in cui deve essere presentata la segnalazione certificata.
La segnalazione va presentata prima di iniziare l’attività.
 

Ci sono costi o tariffe previsti?

Nessun costo per quanto di competenza del Servizio Sportello unico per le attività produttive.
 

Ci sono limitazioni?

La vendita deve essere effettuata in locali non aperti al pubblico, che non abbiano accesso dalla pubblica via.
Non vi sono contingenti o pianificazioni di settore.
 

Normativa:
- D.Lgs. 114/1998;
- D.Lgs. 59/2010;
- L 241/1990 art. 19.
 
Altre notizie:
Sono previsti due settori merceologici: alimentare e non alimentare.
 

 

Aggiornata al 5 febbraio 2013