leo_02.jpg (6952 byte)

logo_suap_rgb.jpg (41446 byte)

COMUNE DI FAENZA
Premio Europa 1968

Settore Sviluppo Economico


home > regolamenti e norme > regolamento mercati

Scarica file: regolamento mercati - 79 kb documento PDF

 

Commercio su aree pubbliche – mercati
 

Regolamento
disciplinante l’esercizio del commercio su aree pubbliche nei mercati

All. n. 4 parte integrante e sostanziale atto CC n. 56 del 23 febbraio 1996
Modificato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009

TITOLO I Disposizioni generali per l’esercizio del commercio su aree pubbliche nei mercati
  Articolo 1
Articolo 2 Giornate di svolgimento
Articolo 3 Modalità di accesso, sistemazione e sgombro
Articolo 4 Circolazione veicolare
Articolo 5 Caratteristiche delle attrezzature
Articolo 6 Pubblicità dei prezzi e autorizzatoria
TITOLO II Individuazione ai sensi dell’art. 3 comma 4 legge n.112/91 delle aree pubbliche di cui all’art. 1 comma 2 lett. B legge n. 112/91
 
Articolo 7 Mercati cittadini
Articolo 8 Mercato cittadino del giovedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 9 Mercato cittadino del sabato - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 10 Mercato cittadino del lunedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 11 Mercato cittadino del mercoledì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 12 Mercato cittadino del venerdì - (abrogato con delibera CC prot. 4920/289 del 12.11.2009)
Articolo 13 Mercato di Granarolo del lunedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 14 Mercato di Granarolo del giovedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 15 Mercato di Granarolo del sabato - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 16 Vendita prodotti ittici a Granarolo - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)
Articolo 17 Modalità di tenuta e consultazione della pianta organica
Articolo 18 Modalità di assegnazione temporanea dei posteggi
Articolo 19 Tributi
Articolo 20 Concessione di occupazione di suolo pubblico (posteggio)
Articolo 21 Subingresso
Articolo 22 Modalità di riassegnazione dei posteggi a seguito di ristrutturazione o spostamento del mercato
Articolo 23 Norme igienico-sanitarie
Articolo 24 Vendita prodotti ittici
Articolo 25 Mercati natalizi e pasquali
Articolo 26 Divieti
Articolo 27 Commissione mercato
Articolo 28 Criteri di assegnazione pluriennale e temporanea dei posteggi riservati ai produttori agricoli di cui alla legge n.59/1963
Articolo 29 Rinvio

 

TITOLO I - Disposizioni generali per l’esercizio del commercio su aree pubbliche nei mercati

 

Articolo 1 -

1.

Per mercato si intende l’afflusso periodico a cadenza settimanale nei giorni stabiliti e sulle aree a ciò destinate di cui all’art. 1 coma 2, lett. B) della Legge n. 112/1991 di operatori autorizzati ad esercitare l’attività disciplinata dalla legge.
2. Il mercato periodico a cadenza settimanale si caratterizza per la tipologia B di cui alla Legge n. 112/1991.
3. Il presente Regolamento disciplina tutte le modalità di funzionamento dei mercati periodici a cadenza settimanale che si svolgono sul territorio del Comune di Faenza.
inizio pagina

Articolo 2 - Giornate di svolgimento

1.

Il mercato ha luogo ogni settimana nelle giornate di:
MARTEDI’ di seguito definito come “mercato cittadino del martedì” con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 13.30 in P.za del Popolo, P.za della Liberta, V. Barilotti, P.za Lanzoni, P.za Martiri della Libertà, V. Manfredi.
GIOVEDI’ di seguito definito come “mercato cittadino del giovedì” con attività di vendita dalle ore 7.00 alle ore 13.30 in P.za del Popolo, P.za della Libertà, V. Barilotti, P.za Lanzoni, V. Bertucci, P.za Martiri della Libertà, V. Manfredi.
SABATO di seguito definito come “mercato cittadino del sabato” con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 13.30 in P.za del Popolo; P.za della Liberta, V. Barilotti, P.za Lanzoni, P.za Martiri della Libertà, V. Manfredi.
LUNEDI’ di seguito definito come “mercato cittadino del lunedì” con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 13.30 in P.za Martiri della Libertà (area compresa fra V. Marescalchi e il Palazzo del Podestà.)
MERCOLEDI’ di seguito definito come “mercato cittadino del mercoledì” con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 13.30 in P.za Martiri della Libertà (area compresa fra V. Marescalchi e il Palazzo del Podestà.)
VENERDI’ di seguito definito come “mercato cittadino del venerdì” con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 13.30 in P.za Martiri della Libertà (area compresa fra V. Marescalchi e il Palazzo del Podestà.)
LUNEDI’ con attività di vendita dalle ore 07.00 alle 13.30 in V. Pasolini – Granarolo (area compresa fra V. Maddalena Venturi e V. Zanzi.)
GIOVEDI’ con attività di vendita dalle ore 07.00 alle 13.30 in V. Pasolini – Granarolo (area compresa fra V. Maddalena Venturi e V. Zanzi.)
SABATO con attività di vendita dalle ore 07.00 alle 13.30 in V. Pasolini – Granarolo (area compresa fra V. Maddalena Venturi e V. Zanzi.)
2. I mercati di cui sopra non si effettuano qualora cadano in giornate festive infrasettimanali; quando la festività cada di sabato il Sindaco può di anno in anno, sentite le associazioni dei commercianti maggiormente rappresentative, adottare una ordinanza di deroga per consentire l’effettuazione del mercato.
inizio pagina
Articolo 3 -  Modalità di accesso, sistemazione e sgombro

1.

Ai mercati periodici possono partecipare esclusivamente titolari di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche valida nella Regione Emilia Romagna.

2.

I titolari di posteggio devono essere presenti con il proprio banco ed attrezzature consentite nell’area relativa al posteggio a ciascuno assegnato entro le ore 8.00 e non prima delle ore 5.30.
I veicoli che non vengono parcheggiati entro il posteggio assegnato o che occupano uno spazio che deborda dalle dimensioni del posteggio devono essere allontanati dall'area del mercato appena terminato lo scarico delle merci e, comunque, non oltre le ore 8.00 per i titolari di posteggio e non oltre le ore 9.00 per gli assegnatari dei posteggi liberi.
Il titolare di concessione decennale che non occupa il proprio posteggio entro le ore 8.00 non potrà più occupare il posteggio per quella giornata e sarà considerato assente.

3.

Non è permesso installarsi sul mercato prima delle ore 5.30 e/o sgomberare il posteggio prima delle ore 12.00 se non per gravi intemperie o in caso di comprovata necessità (nel qual caso ogni operatore commerciale è tenuto a facilitare il transito di sgombero).

4.

Entro le ore 14.00 tutti i posteggi devono avere sgomberato l’intera area di mercato in modo che possa essere ripristinato l’uso non mercatale della stessa.

5.

I banchi, gli autoservizi, le attrezzature devono essere collocati all’interno dello spazio appositamente assegnato come risultante dalla planimetria particolareggiata allegata al presente atto; non è permesso occupare passi carrabili ed ostruire ingressi di abitazioni o negozi; in ogni caso deve essere assicurato il passaggio di automezzi di pronto intervento.

6.

Qualora in situazione particolari si rendano temporaneamente indisponibili le aree pubbliche (posteggi) in cui ordinariamente si svolgono i mercati, oppure si rendano temporaneamente disponibili spazi adiacenti a quelli prefissati, l’Amministrazione Comunale procederà ad individuare (posteggi) aree alternative per consentire lo svolgimento dell’attività agli operatori interessati senza modificarne il numero, nel rispetto di quanto previsto dalla legge e dal presente atto.
inizio pagina

Articolo 4 - Circolazione veicolare

1.

Durante lo svolgimento del mercato è vietata la circolazione dei veicoli nell’area destinata al mercato fatti salvi i mezzi di emergenza.

2.

E’ inoltre vietata la sosta dei veicoli nei tratti liberi costituiti dalle corsie.

3.

I veicoli per il trasporto della merce in uso agli operatori possono sostare nel posteggio assegnato purché lo spazio globale occupato rientri nelle dimensioni del posteggio.

4.

I veicoli che non vengono parcheggiati entro il posteggio assegnato o che occupano uno spazio che deborda delle dimensioni del posteggio devono essere allontanati dall’area del mercato appena terminato lo scarico delle merci e comunque non oltre le ore 9.30.
inizio pagina

Articolo 5 - Caratteristiche delle attrezzature e modalità di presentazione della merce

1.

Il tetto delle attrezzature non dovrà sporgere lateralmente oltre 50 cm. dallo spazio assegnato.

2.

In casi particolari, sentita la Commissione mercato, potranno essere autorizzate sporgenze laterali superiori ai 50 cm. a condizione che siano ad una altezza dal suolo superiore a ml. 2,50.

3.

Le merci devono essere esposte all’altezza minima dal suolo di cm. 50 e la parte inferiore della copertura deve essere ad almeno ml. 2 dal suolo.

4.

I generi alimentari devono essere esposti e venduti all’altezza e con le modalità prescritte dalle disposizioni vigenti in materia igienico sanitaria.

5.

Le merci devono essere esposte su banchi ed è assolutamente vietata l'esposizione ad un'altezza inferiore a cm. 50 da terra e devono occupare una superficie lineare non inferiore alla metà della dimensione totale del posteggio.
Ogni posteggio deve essere completamente autonomo con la presenza costante del titolare o di un dipendente con l'obbligo, per i commercianti, di avere su ogni posteggio il registratore di cassa o le ricevute fiscali intestate al titolare del posteggio.

6.

E’ vietata ogni forma di illustrazione pubblica della merce effettuata con particolari richiami o col sistema dell’incanto. Nel mercato è fatto divieto di usare qualsiasi tipo di apparecchio per l’amplificazione e diffusione dei suoni, fatta eccezione per i venditori di dischi, musicassette, radio, strumenti e articoli musicali che non devono comunque recare disturbo alle attività limitrofe.

7.

Gli operatori sono obbligati a tenere pulito lo spazio da loro occupato ed al termine delle operazioni di vendita debbono raccogliere i rifiuti e depositarli negli appositi contenitori.

8.

Il posteggio non dovrà mai rimanere incustodito. Con l’uso del posteggio il concessionario assume tutte le responsabilità verso terzi derivati da leggi, doveri e ragioni connessi all’esercizio dell’attività.

9.

I titolari delle concessioni esistenti alla data di approvazione del presente atto conservano il diritto di continuare l’attività di vendita nel posteggio assegnato.

10.

Nel settore alimentare, dove appositamente individuato, possono accedere esclusivamente operatori con autorizzazione per tabelle del settore alimentare che esplicano attività di vendita esclusiva di prodotti alimentari, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia igienico-sanitaria, con possibilità di assegnare i posteggi non occupati dai titolari di specifica autorizzazione alimentare, anche ai commercianti titolari di autorizzazione di tipo non alimentare, con precedenza alla categoria di piante e fiori in quanto più attinente al genere alimentari - ortaggi, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia igienico-sanitaria.
inizio pagina
Articolo 6 - Pubblicità dei prezzi e autorizzatoria

1.

Il commerciante su area pubblica deve ottemperare alle disposizioni vigenti in materia di pubblicità dei prezzi e non può in nessun caso rifiutare la vendita nella quantità richiesta della merce esposta al pubblico.
2. E’ obbligatorio per ogni titolare di posteggio tenere esposto in modo ben visibile un documento dal quale risultino gli estremi dell’autorizzazione amministrativa, dell’iscrizione al Registro Ditte e dell’iscrizione al R.E.C.
3. L’operatore deve essere sempre in grado di esibire a richiesta degli organi di vigilanza l’autorizzazione amministrativa di cui alla legge n. 112/91.
inizio pagina
 
TITOLO II - Individuazione ai sensi dell’art.3 comma 4 legge n.112/91 delle aree pubbliche di cui all’art. 1 comma 2 lett. B legge n. 112/91

 

Articolo 7 - Mercati cittadini

1.

Le aree dei mercati cittadini nonché l'ampiezza complessiva di tali aree, il numero di posteggi o la suddivisione o l'esatta dislocazione per settore o per merceologia, sono quelle configurate nelle tavole planimetriche periodicamente aggiornate ed approvate con determina dirigenziale sentite le associazioni dei commercianti maggiormente rappresentative, conservate presso il servizio vigilanza commercio della polizia municipale e il servizio commercio e licenze del Comune di Faenza.
inizio pagina

Articolo 8 - Mercato cittadino del giovedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 9 - Mercato cittadino del sabato - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 10 - Mercato cittadino del lunedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 11 - Mercato cittadino del mercoledì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 12 - Mercato cittadino del venerdì - (abrogato con delibera CC prot. 4920/289 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 13 - Mercato di Granarolo del lunedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 14 - Mercato di Granarolo del giovedì - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 15 - Mercato di Granarolo del sabato - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 16 - Vendita prodotti ittici a Granarolo - (abrogato con delibera CC prot. 289/4920 del 12.11.2009)

inizio pagina

Articolo 17 - Modalità di tenuta e consultazione della pianta organica

1.

Presso il Comando di Polizia Municipale deve essere tenuto a disposizione degli operatori e di chiunque ne abbia interesse copia autentica delle tavole planimetriche particolareggiate costituenti l’allegato 3 relative ai mercati precedentemente citati, nonché l’originale della Pianta Organica (Ruolino) di ciascun mercato con indicati i dati di assegnazione di ogni concessione (posteggio), la superficie assegnata, la data di scadenza.

2.

Ogni qual volta siano assunti provvedimenti comunali al riguardo il Comando P.M. ha l’obbligo di provvedere agli aggiornamenti del caso e comunicarlo alla Regione ai sensi dell’art.7 comma 3 D.M. n.248/1993.
inizio pagina

Articolo 18 - Modalità di assegnazione temporanea dei posteggi

1.

Il concessionario di posteggio non presente all’ora stabilita nel precedente art.3 non potrà più accedere alle operazioni mercatali della giornata e sarà considerato assente.

2.

I posteggi disponibili saranno assegnati secondo l’ordine risultante nel ruolino di spunta tenuto presso il Comando P.M. che dovrà provvedere al suo aggiornamento.

3.

L’assegnazione dei posteggi disponibili avviene in base all’ordine di posizione nel ruolino il quale è definito dando la priorità ai soggetti che abbiano l’autorizzazione per l’esercizio dell’attività di cui all’art.1 comma 2 lettera C) della Legge n.112/91 ottenuta per conversione e valida nella Regione Emilia Romagna e fra questi, come fra tutti gli altri, a chi ha il più alto numero di presenze sul mercato (anzianità di presenza riferita alla specifica giornata).

4.

A parità di presenze si terrà conto della data di inizio attività al Registro Ditte.

5.

Per numero di presenze si intende il numero di volte che l'operatore si è presentato all'assegnazione dei posteggi liberi (cd. "SPUNTA"), entro e non oltre le ore 8.00 di ogni mattina di mercato, ed ha scritto il proprio cognome e nome, con i caratteri dell'alfabeto occidentale, in stampatello ed in modo chiaro e leggibile nonché ha apposto la firma di presenza nell'apposito registro messo a disposizione; qualora il cognome o il nome non sia facilmente decifrabile, non verrà ammesso all'assegnazione dei posteggi liberi.

6.

Coloro che in base alle procedure di cui sopra hanno diritto all’assegnazione temporanea del posteggio vacante ma rinunciano verbalmente allo stesso perdono la presenza.

7.

Le procedure e i criteri di cui sopra si applicano anche ai produttori agricoli di cui alla Legge n.59/1963.

8.

I posteggi non occupati entro e non oltre le ore 8.00, sono disponibili per l’assegnazione ai non titolari di concessione decennale (cd. “spunta”).
L'assegnazione dei posteggi liberi viene effettuata ogni mattina di mercato entro le ore 8.20.

9.

Le assenze determinate da cause di forza maggiore possono essere giustificate dai concessionari con documentazione idonea da trasmettere, non oltre 48 ore dalla data dell'evento o del certificato, alla polizia municipale o al servizio commercio licenze del comune di Faenza che potranno effettuare eventuali verifiche e controlli.

10.

Nei casi di condizioni meteorologiche avverse, per la cui definizione competente è il Comando P.M., le eventuali assenze non vengono computate.
inizio pagina

Articolo 19 - Tributi

1.

Le concessioni permanenti (decennali), stagionali nonché le assegnazioni temporanee sono soggette al pagamento delle tasse e dei tributi nella misura e con le modalità previste dalle normative vigenti in materia.
inizio pagina

Articolo 20 - Concessione di occupazione di suolo pubblico (posteggio)

1.

La concessione permanente ha una durata di dieci anni e può essere rinnovata su istanza del titolare.
La concessione del posteggio non può essere ceduta a nessun titolo se non con l’azienda commerciale nel rispetto della Legge n.112/91 e delle normative regionali vigenti in materia.

2.

L’operatore decade dalla concessione del posteggio qualora si verifichino le fattispecie di cui all’art.3 comma 9 Legge n.112/91 dell’art.9 D.M. n. 248/1993.

3.

Nessun operatore può utilizzare più di un posteggio contemporaneamente fatto salvo quanto disposto nell’art.7 comma 7 del D.M. n. 248/1993.

4.

L’efficacia della concessione è sospesa nei casi di accertato e notificato mancato pagamento dei tributi comunali dovuti per l’esercizio dell’attività su area pubblica; la durata della sospensione è pari al periodo di mancato versamento.

5.

La concessione cessa alla sua naturale scadenza indicata all’atto del rilascio o per rinuncia del titolare.
inizio pagina

Articolo 21 - Subingresso

1.

Il subentro nella titolarità della azienda comporta il passaggio della concessione del posteggio al subentrante sempre che vengano rispettate le disposizioni vigenti in materia (art. 16 D.M. n.248/93, art.49 D.M. n.375/88, Leggi Reg.li n.28/94, n. 48/95).

2.

Nei casi di subingresso in autorizzazioni convertite unitariamente le presenze maturate nei vari mercati faentini periodici e di recupero passano in capo al subentrante.

3.

Nei casi di conversione “frazionata” ai sensi della L.R. n.48/1995 le presenze maturate nei vari mercati faentini periodici e di recupero permangono in capo al titolare il quale può:
a. cedere ad un unico acquirente l’intera azienda costituita dal complesso di aut.ni/posteggi riconducibili all’autorizzazione oggetto della conversione: in questo caso le presenze passano al subentrante;
b. cedere un ramo d’azienda (cioè uno o più posteggi non siti sul territorio d Faenza oggetto della conversione frazionata); in questo caso le presenze nei mercati faentini di recupero e periodici restano al cedente;
c. cedere un ramo d’azienda (cioè uno o più posteggi di Faenza oggetto della conversione frazionata): il questo caso le presenze nei mercati faentini di recupero e periodici restano al cedente sempre che il cedente rimanga titolare di almeno un posteggio a Faenza e nel contratto non sia diversamente disposto.

4.

Nel caso di vendita delle autorizzazioni frazionate relative ai posteggi faentini a più operatori le presenze passano all’ultimo acquirente come risulta dalla data di effetto del contratto, sempre che non sia diversamente disposto nel contratto.
inizio pagina

Articolo 22 - Modalità di riassegnazione dei posteggi a seguito di ristrutturazione o spostamento del mercato

1.

La riassegnazione dei posteggi a seguito di eventuali ristrutturazioni o spostamento del mercato è effettuato dando la priorità nella scelta degli stessi agli operatori che saranno chiamati a scegliere secondo l’ordine risultante da apposita graduatoria formulata sulla base dell’anzianità di frequenza allo specifico mercato quali concessionari dei posteggi, ed in caso di parità sulla base dell’anzianità dell’impresa risultante dal Registro Ditte.
inizio pagina

Articolo 23 - Norme igienico-sanitarie

1.

La vendita e la somministrazione di generi alimentari è consentita all’interno del settore alimentare come individuato nelle tavole planimetriche particolareggiate allegate al presente atto ed è soggetta alla vigilanza ed al controllo dell’autorità sanitaria.

2.

La materia è disciplinata dall’art.22 del D.M. n.248/93 e per la parte non espressamente indicata dal T.U. delle leggi sanitarie e dal Regolamento Comunale d’Igiene, nonché dalla legge n.283/1962, dal relativo regolamento di attuazione n.327/1980. dall’ordinanza del Ministero della Sanità del 26.6.95 (G.U. n. 203 del 31.8.1995) e da ogni altra disposizione vigente in materia.
inizio pagina

Articolo 24 - Vendita prodotti ittici

1.

La vendita di prodotti ittici è settimanalmente consentita nei posteggi posizionati all’interno dei locali della “pescheria comunale” siti in Piazza Martiri della Libertà n.17 nelle giornate del mercoledì e venerdì dalle ore 07.00 alle ore 13.00 e nelle giornate del 24 e 31 dicembre.

2.

L’esercizio dell’attività di cui sopra è disciplinato oltre che dalle disposizioni vigenti in materia, dal contratto di locazione dell’area in questione.

3.

Considerata la particolare situazione che caratterizza i posteggi in caso di sospensione temporanea o di non utilizzazione temporanea del posteggio non si procede ad assegnazione temporanea ad altri operatori fino a quando non intervengono atti di decadenza e/o di revoca.

4.

L’ampiezza complessiva dei locali dei quali l’Amministrazione Comunale ha la disponibilità nei quali si svolge la vendita dei prodotti ittici è di mq. 86,11; il numero dei posteggi è 4 e la superficie di ciascun posteggio è di mq. 14.
inizio pagina

Articolo 25 - Mercati natalizi e pasquali

1.

Costituiscono appendice dei mercati periodici a cadenza settimanale che tradizionalmente si tengono nelle piazze centrali cittadine i mercati che si svolgono nelle giornate e con le modalità di seguito specificate.

2.

Al fine di recuperare i mercati periodici cadenti in giornate festive infrasettimanali o che non si sono svolti per cause di forza maggiore vengono istituiti i seguenti mercati:
a. 8 dicembre
(da intendersi come festività qualora cada dal lunedì al sabato; mentre qualora cada da domenica viene considerata come terz’ultima domenica prima di Natale) con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 19.30 in p.za del Popolo, P.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi;
b. 24 dicembre
(da intendersi come festività qualora cada di lunedì, mercoledì, venerdì. Qualora cada di martedì, giovedì, sabato, verrà effettuato un mercato prolungato, mentre qualora cada di domenica si applicano le disposizioni di cui alla lett. C) e seguenti) con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 19.30 in p.za del Popolo, p.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi, p.za Libertà;
c. ultime 3 domeniche prima di Natale
(nel computo delle tre domeniche sono compresi l’8 dicembre e il 24 dicembre qualora cadano di domenica; quando l’8 dicembre e/o il 24 dicembre cadono di domenica le graduatorie relative agli aventi diritto saranno stilate tenendo conto dell’anzianità conseguita dagli operatori come mercati domenicali e non come festività dell’8 dicembre o come vigilia, nel rispetto di quanto disposto nei commi seguenti) con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 19.30 in p.za del Popolo, p.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi, p.za Libertà;
d. domenica delle Palme
con attività di vendita dalle ore 07.00 alle ore 19.30 in p.za del Popolo, p.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi, p.za Libertà.

3.

L’area precedente indicata in cui si svolge il mercato di cui alla lettera a) (8 dicembre qualora cada di lunedì al sabato) del comma 2 del presente articolo è quella configurata nella tavola planimetrica particolareggiata allegato 3/P parte integrante e sostanziale del presente atto.
L’ampiezza complessiva dell’area di cui sopra (comprensiva della superficie del posteggio e delle corsie di camminamento) è di mq. 5.190. Il numero complessivo dei posteggi è 82.
I settori previsti sono: alimentare (p.za Martiri Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 3 e settore non alimentare (p.za del Popolo, p.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 79.
Al mercato sono ammessi solo titolari di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche.
Le domande di partecipazione al mercato devono essere presentate in bollo all’Amministrazione Comunale almeno 60 giorni prima dello svolgimento dello stesso con l’indicazione dei dati anagrafici, di quelli relativi all’autorizzazione e del n. e data di iscrizione al Registro Ditte; le domande pervenute dopo il termine saranno posizionate in graduatoria dopo quelle pervenute nei termini con le medesime modalità di quelle pervenute nei termini.
La graduatoria degli aventi diritto è affissa all’Albo Pretorio del Comune e presso il Comando P.M.-Annonaria 10 giorni prima; l’assegnazione dei posteggi viene effettuata in luoghi ed orari che saranno determinati dal Sindaco di anno in anno.
L’assegnazione dei posteggi mediante formale rilascio di concessione temporanea di occupazione suolo pubblico agli aventi diritto verrà effettuata per esaurimento delle disponibilità sulla base di apposita graduatoria redatta secondo i seguenti criteri:
- priorità nell’assegnazione è riservata ai titolari di posteggio di un qualsiasi mercato cittadino (lunedì – martedì – mercoledì – giovedì – venerdì – sabato); fra questi operatori il titolo di priorità è dato dal più alto numero di presenze nel mercato dell’8 dicembre (da intendersi come festività qualora cada dal lunedì al sabato) computate a partire dal 1994 che saranno attestate dal Comando P.M. sulla base delle risultanze agli atti dell’Amministrazione Comunale; sarà fatto riferimento all’anzianità di presenze nel mercato dell’8 dicembre (come sopra definito) maturate in caso di subentro computate a partire dal 1994; a parità di presenze il titolo di priorità è determinato dando la precedenza a chi ha iniziato prima l’attività di commercio su aree pubbliche (la data d’inizio è quella risultante al Registro Ditte); in caso di ulteriore parità verrà effettuato il sorteggio presso il Comando P.M.;
- in via subordinata i posteggi residui saranno assegnati ai richiedenti (non titolari di posteggio) titolari di autorizzazione valida per la Regione Emilia-Romagna di cui all’art.2 comma 4 Legge n.112/91 tipo “C” o che hanno presentato la comunicazione all’organo competente per la conversione in “C” valida per la Regione Emilia Romagna, posti su un piano indifferenziato; fra questi la priorità sarà data dal più alto numero di presenze nel mercato dell’8 dicembre (come sopra definito); a parità di presenze il titolo di priorità è determinato dando la precedenza a chi ha iniziato prima l’attività, come sopra disposto;
- in via ulteriormente subordinata gli eventuali posteggi residui saranno assegnati ai restanti commercianti su area pubblica che presenteranno domanda che sarà vagliata con la medesima metodologia già indicata per i titolari di posteggio.
Nessun operatore può utilizzare più di un posteggio contemporaneamente nel mercato in questione.
Nel mercato dell’8 dicembre gli assegnatari devono:
- presentarsi nel posteggio assegnato entro le 08.30 (l’attività di vendita non deve iniziare prima delle ore 07.00);
- effettuare l’attività di vendita fino alle ore 19.30 con divieto assoluto di lasciare l’area prima delle 18.30;
- sgomberare interamente l’area entro le ore 20.00.
Per motivi di pubblico interesse il Comune può revocare l’assegnazione del posteggio individuando altra area idonea allo svolgimento dell’attività di vendita.
L’operatore per poter accedere al posteggio assegnato e durante lo svolgimento dell’attività deve essere sempre in grado di esibire a richiesta degli organi di vigilanza l’originale dell’autorizzazione per il commercio su area pubblica.

4.

L’area precedentemente indicata in cui si svolge il mercato di cui alla lettera b) (24 dicembre da intendersi come festività qualora cada il lunedì, mercoledì, venerdì) comma 2 del presente articolo è quella configurata nella tavola planimetrica particolareggiata allagato 3/P parte integrante e sostanziale del presente atto.
L’ampiezza complessiva dell’area di cui sopra (comprensiva della superficie dei posteggi e delle corsie di camminamento) è di mq. 5.540. Il numero complessivo dei posteggi è 91.
I settori previsti sono: alimentare (p.za Martiri Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 86.
Al mercato sono ammessi solo titolari di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche (nei posteggi individuati davanti alla scalinata del Duomo in p.za Libertà non è consentito mantenere in sosta l’autoveicolo per ragioni di viabilità).
Le domande di partecipazione al mercato devono essere presentate in bollo all’Amministrazione Comunale almeno 60 giorni prima dello svolgimento dello stesso con l’indicazione dei dati anagrafici, di quelli relativi all’autorizzazione e del n. e data di iscrizione al Registro Ditte; le domande pervenute dopo il termine saranno posizionate in graduatoria dopo quelle pervenute nei termini con le medesime modalità di quelle prevenute nei termini.
La graduatoria degli aventi diritto è affissa all’Albo Pretorio del Comune e presso il Comando P.M.-Annonaria 10 giorni prima; l’assegnazione dei posteggi viene effettuata in luoghi ed orari che saranno determinati dal Sindaco di anno in anno.
L’assegnazione del posteggio mediante formale rilascio di concessione temporanea di occupazione suolo pubblico agli aventi diritto verrà effettuata per esaurimento delle disponibilità sulla base di apposita graduatoria redatta secondo i seguenti criteri:
- priorità nell’assegnazione è riservata ai titolari di posteggio del Lunedì (se il 24 cade di lunedì), Mercoledì (se il 24 cade di mercoledì), Venerdì (se il 24 cade di venerdì); fra questi operatori il titolo di priorità è dato dal più alto numero di presenze nel mercato del 24 (sempre che non sia prolungato o cada di domenica) computate a partire dal 1990 che saranno attestate dal Comando P.M.; a parità di presenze si farà riferimento al Registro Ditte.
- in via subordinata nell’assegnazione si procede con i titolari di posteggio di un qualsiasi mercato cittadino; fra questi operatori il titolo di priorità è dato dal più alto numero di presenze nel mercato del 24 dicembre (sempre che non sia mercato prolungato o cada di domenica) computate a partire dal 1990 che saranno attestate dal Comando P.M. sulla base delle risultanze agli atti dell’Amministrazione Comunale; sarà fatto riferimento all’anzianità di presenze nel mercato del 24 dicembre (come sopra definito) computate a partire dal 1990 maturate in caso di subentro; a parità di presenze il titolo di priorità è determinato dando la precedenza a chi ha iniziato prima l’attività di commercio su aree pubbliche (la data d’inizio è quella risultante al Registro Ditte); in caso di ulteriore parità verrà effettuato il sorteggio presso il Comando P.M.;
- in via subordinata i posteggi residui saranno assegnati previa domanda ai richiedenti (non titolari di posteggio) titolari di autorizzazione valida per la Regione Emilia-Romagna di cui all’art.2 comma 4 Legge n.112/91 tipo “C” o che hanno presentato la comunicazione all’organo competente per la conversione in “C” valida per la Regione Emilia-Romagna, posti su un piano indifferenziato; fra questi la priorità sarà data dal più alto numero di presenze maturate nel mercato del 24 dicembre (come sopra definito) in caso di subentro; a parità di presenze il titolo di priorità è determinato dando precedenza a chi ha iniziato prima l’attività, come sopra disposto;
- in via ulteriormente subordinata gli eventuali posteggi residui saranno assegnati ai restanti commercianti su area pubblica che presenteranno domanda che sarà vagliata con la medesima metodologia già indicata per i titolari di posteggio.
Nessun operatore può utilizzare più di un posteggio contemporaneamente nel mercato in questione.
Nel mercato del 24 dicembre gli assegnatari devono:
- presentarsi nel posteggio assegnato entro le 08.30 (l’attività di vendita non deve iniziare prima delle ore 07.00);
- effettuare l’attività di vendita fino alle ore 19.30 con divieto assoluto di lasciare l’area assegnata prima delle 18.30;
- sgomberare interamente l’area entro le ore 20.00.
Per motivi di pubblico interesse il Comune può revocare l’assegnazione del posteggio individuando altra area idonea allo svolgimento dell’attività di vendita.
L’operatore per poter accedere al posteggio assegnato e durante lo svolgimento dell’attività deve essere sempre in grado di esibire a richiesta degli organi di vigilanza l’originale dell’autorizzazione per il commercio su area pubblica.

5.

Per L’area precedentemente indicata in cui si svolge il mercato di cui alla lettera c) (ultime tre domeniche prima di Natale) del comma 2 del presente articolo è quella configurata nella tavola planimetrica allegato 3/P parte integrante e sostanziale del presente atto. Qualora l’8 dicembre e il 24 dicembre cadano di domenica si considerano l’8 dicembre come terz’ultima domenica e il 24 come ultima domenica prima di Natale.
Nei restanti casi di domeniche che non cadano nell’8 e 24 dicembre si applicano le seguenti disposizioni.
L’ampiezza complessiva dell’area di cui sopra (comprensiva della superficie dei posteggi e delle corsie di camminamento) è di mq. 5.540.
Il numero complessino dei posteggi è 91.
I settori previsti sono: alimentare (p.za Martiri Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 5 e settore non alimentare (p.za del Popolo, p.za Libertà; p.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 86. (L’ampiezza dell’area è di mq. 5.190 e il n. dei posteggi è 82 nell’8 dicembre per la cui distinzione si rinvia alla lettera A, mentre se il 24 dicembre cade di domenica i posteggi del settore alimentare sono 8 e i restanti sono 83 posteggi).
Ai mercati domenicali di recupero possono accedere solo titolari di autorizzazione per il commercio su arre pubbliche (nei posteggi individuati davanti alla scalinata del Duomo non consentito mantenere in sosta gli autoveicoli per motivi di viabilità).
Le domande di partecipazione ai mercati domenicali devono essere presentate in bollo all’Amministrazione Comunale almeno 60 giorni prima dello svolgimento dello stesso con l’indicazione dei dati anagrafici, di quelli relativi all’autorizzazione e del n. e data di iscrizione al Registro Ditte; le domande pervenute dopo il termine saranno posizionate nelle rispettive graduatorie dopo quelle pervenute nei termini con le medesime modalità di quelle pervenute nei termini.
Le graduatorie degli aventi diritto sono affisse all’Albo Pretorio del Comune e presso il Comando P.M.-Annonaria 10 giorni prima; l’assegnazione dei posteggi viene effettuata in luoghi ed orari che saranno determinati dal Sindaco di anno in anno.
L’assegnazione del posteggio mediante formale rilascio di concessione temporanea di occupazione suolo pubblico agli aventi diritto verrà effettuata per esaurimento delle disponibilità sulla base di apposite graduatorie (una per l’ultima, una per la penultima, una per la terz’ultima domenica) redatte secondo i seguenti criteri:
- priorità nell’assegnazione è riservato ai titolari di posteggio di un qualsiasi mercato cittadino (lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato); fra questi operatori nell’ultima domenica prima di Natale (se il 24 cade di domenica il mercato di recupero è considerato mercato domenicale) il titolo di priorità è dato dal più alto numero di presenze nelle precedenti edizioni di mercati effettuati nell’ultima domenica prima di Natale computati a partire dal 1993; le presenze saranno attestate dal Comando P.M. sulla base delle risultanze agli atti dell’Amministrazione Comunale; per il resto valgono le disposizioni di cui al comma 3;
- nella penultima domenica prima di Natale il titolo di priorità, fermo stando quanto disposto in ordine alla titolarità del posteggio, è dato dal più alto numero di presenze nelle precedenti edizioni di mercati effettuati nella penultima domenica prima di Natale computate a partire dal 1993; le presenze saranno attestate dal Comando P.M. sulla base delle risultanze agli atti dell’Amministrazione Comunale; per il resto valgono le norme sopra disposte;
- nella terz’ultima domenica prima di Natele (se l’8 dicembre cade di domenica il mercato di recupero è considerato mercato domenicale quale terz’ultima domenica) fermo stando quanto disposto in ordine alla titolarità del posteggio, il titolo di priorità è dato dal più alto numero di presenze nelle precedenti edizioni di mercati effettuati nella terz’ultima domenica prima di Natale computati a partire dal 1994; le presenze saranno attestate dal Comando P.M. sulla base delle risultanze agli atti dell’Amministrazione Comunale; per il resto valgono le norme sopra disposte.

6.

L’area precedentemente indicata in cui si svolge il mercato di cui alla lettera d) (domenica delle Palme) del comma 2 del precedente articolo è quella configurata nella
tavola planimetrica particolareggiata allegato 3/P parte integrante e sostanziale del presente atto.
L’ampiezza complessiva dell’area di cui sopra (comprensiva della superficie dei posteggi e delle corsie di camminamento) è di mq. 5.540.
Il numero complessivo dei posteggi è 88.
I settori previsti sono: alimentare (p.za Martiri Libertà nell’area compresa fra il Palazzo del Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 5 e settore non alimentare (p.za del Popolo, P.za Libertà; P.za Martiri della Libertà nell’area compresa fra il Palazzo dei Podestà e via Marescalchi) con n. posteggi 83.
Al mercato possono accedere solo titolari di autorizzazione per commercio su aree pubbliche (nei posteggi individuati davanti alla scalinata del Duomo non è consentito mantenere in sosta l’autoveicolo per ragioni di viabilità).
Le domande di partecipazione al mercato devono essere presentate in bollo all’Amministrazione Comunale almeno 60 giorni prima dello svolgimento dello stesso con l’indicazione dei dati anagrafici, di quelli relativi all’autorizzazione e del n. e data di iscrizione al Registro Ditte; le domande pervenute dopo il termine saranno posizionate in graduatoria dopo quelle pervenute nei termini con le medesime modalità di quelle pervenute nei termini. La graduatoria degli aventi diritto è affissa all’Albo Pretorio del Comune e presso il Comando P.M.-Annonaria 10 giorni prima; l’assegnazione dei posteggi viene effettuata in luoghi ed orari che saranno determinati dal Sindaco di anno in anno.
L’assegnazione del posteggio mediante formale rilascio di concessione temporanea di occupazione suolo pubblico agli aventi diritto verrà effettuata per esaurimento delle disponibilità sulla base di apposita graduatoria redatta secondo i seguenti criteri:
- priorità nell’assegnazione è riservata ai titolari di posteggio di un qualsiasi mercato cittadino (lunedì – martedì – mercoledì – giovedì – venerdì – sabato); fra questi operatori il titolo di priorità è dato dal più alto numero di presenze nel mercato della domenica delle Palme che saranno attestate dal Comando P.M. sulla base delle risultanze agli atti dell’Amministrazione Comunale; sarà fatto riferimento all’anzianità di presenze nel mercato nella domenica delle Palme maturate in caso di subentro; a parità di presenze il titolo di priorità è determinato dando la precedenza a chi ha iniziato prima l’attività di commercio su aree pubbliche (la data d’inizio è quella risultante al Registro Ditte); in caso di ulteriore parità verrà effettuato il sorteggio presso il Comando P.M.;
- In via subordinata i posteggi residui saranno assegnati previa domanda ai richiedenti (non titolari di posteggio) titolari di autorizzazione valida per la Regione Emilia-Romagna di cui all’art.2 comma 4 Legge n.112/91 tipo “C” o che hanno presentato la comunicazione all’organo competente per la conversione in “C” valida per la Regione Emilia-Romagna, posti su un piano indifferenziato; fra questi la priorità sarà data dal più alto numero di presenze nel mercato della domenica delle Palme; sarà fatto riferimento all’anzianità di presenza nel mercato della domenica delle Palme maturate in caso di subentro; a parità di presenze il titolo di priorità è determinato dando la precedenza a chi ha iniziato prima l’attività, come sopra disposto;
- in via ulteriormente subordinata gli eventuali posteggi residui saranno assegnati ai restanti commercianti su area pubblica che presenteranno domanda che sarà vagliata con la medesima metodologia già indicata per i titolari di posteggio.
Nessun operatore può utilizzare più di un posteggio contemporaneamente nel mercato in questione.
Nel mercato della domenica delle Palme gli assegnatari devono:
- presentarsi nel posteggio assegnato entro le 08.30 (l’attività di vendita non deve iniziare prima delle ore 07.00);
- effettuare l’attività di vendita fino alle ore 19.30 con divieto assoluto di lasciare l’area assegnata prima delle ore 18.30;
- sgomberare interamente l’area entro le ore 20.00.
Per motivi di pubblico interesse il Comune può revocare l’assegnazione del posteggio individuando altra area idonea allo svolgimento dell’attività di vendita.
L’operatore per poter accedere al posteggio assegnato e durante lo svolgimento dell’attività deve essere sempre in grado di esibire a richiesta degli organi di vigilanza l’originale dell’autorizzazione per il commercio su area pubblica.
inizio pagina

Articolo 26- Divieti

1.

E’ fatto divieto ai commercianti su area pubblica nei mercati previsti nell’art.25 di attivare gruppi elettrogeni autonomi nonché di usufruire di corrente elettrica a mezzo di attacchi elettrici non conformi alle norme vigenti in materia.
inizio pagina

Articolo 27 - Commissione mercato

1.

Al fine di collaborare con l’assessorato al commercio e vigilare sulla corretta applicazione del presente Regolamento è istituita con atto del Sindaco entro 30 giorni dalla data di approvazione del presente Regolamento la Commissione Mercato con funzioni consultive in materia, composta da:
- Assessore al Commercio o suo delegato – che la presiede;
- n.2 rappresentanti degli operatori dello stesso mercato (uno alimentare e uno extra-alimentare);
- n.2 rappresentanti dei commercianti in sede fissa;
- n.1 rappresentante dei produttori agricoli.
inizio pagina

Articolo 28 - Criteri di assegnazione pluriennale e temporanea dei posteggi riservati ai produttori agricoli di cui alla legge n.59/1963

1.

L’assegnazione dei posteggi mediante concessione pluriennale è effettuata secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande ed a parità di data in base alla maggiore anzianità di frequenza al mercato quale titolari di autorizzazione di cui alla Legge n. 59/1963 o denuncia ai sensi dell’art.19 Legge n.241/90; il procedimento deve concludersi entro 30 giorni con l’accoglimento o il rigetto della domanda.
I titolari dei posteggi debbono comprovare la qualità di agricoltore secondo le modalità di cui all’art.20 comma 3 D.M. n.248/93 a decorrere dall’anno successivo rispetto a quello di rilascio dell’autorizzazione o di presentazione della denuncia.
E’ consentita, in base alla stagionalità cui è soggetta la produzione agricola, l’assegnazione dei posteggi per una durata che su richiesta dell’interessato potrà essere:
- decennale con validità estesa all’interno anno solare;
- decennale con validità limitata ad uno o più periodi dell’anno, anche frazionati, complessivamente non inferiori a 60 giorni e non superiore a 180.

2.

L’assegnazione dei posteggi mediante concessione giornaliera è effettuata sulla base dei seguenti criteri di priorità:
maggiore anzianità di frequenza al mercato quale titolare di aut. ne di cui alla Legge n.59/1963 o di presentazione di denuncia ai sensi dell’art.19 Legge n.241/90.

3.

Qualora dal rilascio dell’autorizzazione o dalla presentazione della denuncia sia decorso oltre un anno è condizione per l’ammissione al posteggio che sia esibita una certificazione attestante la qualità di produttore agricolo rilasciata in data non antecedente al periodo di un anno.
inizio pagina

Articolo 29 - Rinvio

1.

Per tutto quanto non esplicitamente previsto si rinvia alle disposizioni di legge e regolamento vigenti in materia.
inizio pagina

 

home.gif (2053 byte)

home_po.gif (875 byte)

sito_economia.gif (934 byte) sito_faenza.gif (3098 byte) logo_sit.gif (1490 byte)

e_mail.gif (1051 byte)

Aggiornata al 30 marzo 2010